martedì 19 marzo 2013



Cibo, comportamento e immagine corporea


logo14.jpgIn una società, come quella contemporanea, di personalità perennemente insoddisfatte, fragili, insicure che si aggrappano all’idea della perfezione per garantirsi un’illusoria tranquillità psico-fisica, l’immagine corporea emerge quale “strumento” per raggiungere la padronanza di sé, la certezza delle proprie capacità, i fondamenti dell’autostima.
L’identità, spesso, non è una conquista immediata e definitiva, ma deve passare attraverso continue trasformazioni che fanno i conti con modelli estetici transitori, modelli culturali pubblicizzati dai mass media.Imput, questi, che mettono in evidenza la centralità del corpo, in quanto è dall’apparenza fisica che, oggi più che un tempo, si giudicano e si valutano, in prima battuta, le persone ed è a partire dal corpo che si costruisce l’immagine di se stessi e quella che si vuole proiettare sugli altri, nella speranza di impressionarli positivamente ed essere, infine, accettati.
Il corpo e le sue forme regolano, accentuano, guidano ed attivano comportamenti e scelte che spesso seguono dinamiche complesse ed imprevedibili e che, inevitabilmente, coinvolgono le scelte alimentari, trasformando il cibo in strumento per raggiungere determinati risultati estetici.
Di questo e di molto altro, si parlerà all’incontro di venerdì, 22 marzo, ore 17 – 18,30, presso la sede della Confederazione Italiana Agricoltori di Pisa, via Malasoma 22, Ospedaletto.
Interverranno Giusi D’Urso, Biologa Nutrizionista e Cristina Cherchi, Pedagogista Clinica.
L’incontro, organizzato da La Mezzaluna – Centro di Educazione Alimentare, ègratuito.
Cibo e immagine corporeaE’ gradita un’iscrizione via mail o telefono, ai seguenti recapiti: giusi.durso@libero.it, 347 0912780

Nessun commento:

Posta un commento